logo del Centro di Ricerca e Sviluppo sull'E-Content - CReSEC
un donatore moltiplica la vita
piazza virtuale Campagna nazionale donazione trapianto organi tessuti cellule 2012
Premio Moltiplica la vita 10 dicembre 2012:
con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Cosa si dona

Tessuti

Il trapianto di tessuti è un intervento in grado di migliorare la qualità della vita dei pazienti e, per questo, non può essere considerato strettamente una terapia salvavita, salvo casi particolari. Si tratta di una pratica medica ormai consolidata, mentre le tecniche di ingegneria dei tessuti rappresentano uno dei settori della biomedicina in rapida espansione.

I tessuti vengono prelevati da donatori viventi o deceduti. Si distinguono per diverse tipologie:

  • tessuto oculare (cornea);
  • tessuto cutaneo (pelle);
  • membrana amniotica (placenta);
  • tessuti cardiovascolari (arterie, vasi, valvole cardiache);
  • elementi ossei (testa di femore) o muscolo-scheletrici (cartilagini, tendini).

Per limitare al massimo i rischi di trasmissione di infezione durante il trapianto di tessuti e cellule, occorre garantirne la qualità e la sicurezza. La direttiva 2004/23/CE (PDF) del Parlamento Europeo e del Consiglio definisce i parametri per la donazione, l'approvvigionamento, l'analisi, la lavorazione, la conservazione e la distribuzione di tessuti e cellule d'origine umana. È stata recepita dalla legislazione italiana con il Decreto Legislativo n. 191/2007. Le successive direttive europee n. 2006/17/CE (PDF) e 2006/86/CE (PDF), sulla stessa materia, sono state recepite dall’Italia con il Decreto Legislativo n. 16/2010.

I tessuti vengono conservati nelle banche dei tessuti, strutture sanitarie pubbliche preposte alla conservazione e distribuzione dei tessuti, utilizzati a scopo di trapianto. Per tutti i tipi di tessuti non esistono incompatibilità immunologiche tra donatore e ricevente.